Tel. +39 010.51862.1

Le patologie polmonari: sintomi e prevenzione

Home / News / Le patologie polmonari: sintomi e prevenzione

Le patologie polmonari rappresentano una delle principali cause di decesso nel mondo, la terza in Italia secondo l’OMS. Lo scenario è peggiorato durante la pandemia di Sars-Cov-2. 

Spesso si associano le patologie polmonari al fumo, ma non è l’unica causa riconosciuta. I fattori che scatenano malattie respiratorie possono infatti essere: genetici, nutrizionali, ambientali, oltre ad agenti infettivi che intaccano l’apparato respiratorio umano.

 

Segnali e sintomi di avvertimento

I sintomi della malattia polmonare tendono a insinuarsi lentamente e le persone spesso li attribuiscono  all’invecchiamento o alla mancanza di forma fisica. Ciò porta molti a pianificare  le proprie attività quotidiane in funzione della patologia piuttosto che ricorrere tempestivamente ad una terapia . 

Riconoscere i primi segni della malattia polmonare può aiutare a ricevere un trattamento prima che la malattia diventi grave o addirittura pericolosa per la vita.

È importante fissare il prima possibile un appuntamento con il medico, se si riscontra uno dei seguenti segnali di allarme:

  • Recente comparsa di tosse persistente 
  • Espettorazione di  muco, catarro o sangue
  • Tendenza più frequente all’affanno
  • Senso di costrizione toracica o respiro sibilante
  • Frequenti infezioni bronco-polmonari
  • Dolore al petto
  • Improvviso dimagrimento

Come proteggersi? 

Ecco alcune indicazioni che apportano benefici non solo all’apparato respiratorio, ma a tutto il nostro organismo: 

  • smettere di fumare e non esporsi al fumo passivo
  • ridurre, per quanto possibile, l’esposizione a fonti di inquinamento atmosferico
  • fare attività fisica ed evitare uno stile di vita sedentario
  • mantenere un regime alimentare salutare
  • indossare i DPI sul luogo di lavoro, laddove la mansione svolta esponga a rischi elevati
  • sottoporsi a check-up regolari 
  • stare attenti alle infezioni (durante la stagione influenzale, o picchi di Covid)

Leave a Reply